Coronavirus

Ilaria Capua a DiMartedì: “Coronavirus mutato? Perché non pubblicano le sequenze italiane?”. Pesantissimo sospetto

Il coronavirus è mutato? Ilaria Capua, in collegamento con Giovanni Floris a DiMartedì, prova a far luce su un “buco nero” inquietante nella comuncazione scientifica sulla pandemia in Italia.

“Ad oggi non abbiamo informazioni, possiamo dire poco – premette la virologa, dalla Florida -. Ci sono 10mila sequenze di cui 40 italiane, come mai queste sequenze italiane non si pubblicano?”. Secondo la Capua è importante avere una fotografia globale, altrimenti non potremo mai combatterlo ad armi pari. C’è bisogno di combatterlo con tutte le forze e le angolazioni possibili”. Le stesse mancanze, suggerisce la professoressa, potrebbero caratterizzare anche le scelte politiche sulla Fase 2: “Le decisioni devono essere prese ascoltando le ragioni della salute e poi dell’economia”. Dunque? “Occorre effettuare test sierologici per tutti da ripetere dopo una ventina di giorni per capire la dinamica della diffusione”. Il suo giudizio è preoccupante: “Siamo ancora in ritardo sulla Fase 2, non abbiamo ancora una idea chiara su come la malattia si sia trasmessa nel Paese. Manca capire com’è messo il Paese”.

Fonte Libero

Lascia un commento